Post

Un nuovo inizio

Tempo fa scrissi che lo studio aveva cessato le sue attività e i giorni che sono seguiti dopo sono stati abbastanza strazianti nel veder svuotare un luogo dove hai vissuto tante cose e sapere che tra qualche giorno ci sarà un’altra persona a viverci mi fa sentire un po’ strano.
Ricordo i mesi prima dell’acquisto,5 mesi per ottenere il mutuo e il giorno che sono entrato ero orgoglioso di una cosa mia, ottenuta con sangue, sudore e sacrificio.
Da quel giorno tante persone sono passate: sposi, modelle, colleghi, corsi, bambini e col tempo è stato set per le interviste di A NUDO.
Non nego che queste cose in fondo mi mancheranno, ma la vita è così, vita può chiamarsi tale se ha nella trasformazione e nel l’evoluzione il suo essere tale.
Purtroppo ai giorni d’oggi di fotografia non si vive più ed è stata una fatica ammetterlo sia a me sia alle persone che mi sono vicine.
Ho deciso di dedicarmi a cose che mi interessano di più o meglio che mi hanno sempre interessato ma che fino ad ora ho tenuto …

La fuga come rimedio

La fuga è sempre stato un tema molto amato dai creativi, troviamo fughe nelle canzoni e la musica stessa può essere uno strumento per fuggire dalla cruda realtà di tutti i giorni. Ci sono fughe nelle poesie, nei libri, chi non ricorda On the Road di Jack Kerouac. Anche il cinema ha affrontato il tema della fuga, Gabriele Salvatores aveva definito TurnéMarrakech Express e Mediterraneo come la trilogia della fuga, tant’è vero che Mediterraneo comincia con la frase:«Dedicato a tutti quelli che stanno scappando». Perché si scappa? Perché la fuga attira così tanto? Perché ha ispirato tanti creativi? A volte la fuga per molti può diventare una strategia per sentirsi sicuri da un’altra parte, perché a volte la vita ci impaurisce, ci soffoca e fuggire sembra la soluzione migliore, la più facile, la più immediata. Fuggire vuol dire scappare, fuggire da qualcuno o qualcosa che ci va stretto, ma a volte, purtroppo, il tormento ci insegue e tornerà a farci visita quando meno ce lo aspettiamo. I…

Dalla scrittura al cinema

Tante volte abbiamo visto cantanti che si danno al cinema, registi che si danno alla letteratura, filosofi che si prestano alla televisione e tutto questo perché nel mondo della creatività si cerca sempre di trovare nuovi stimoli o forse ampliare il proprio pubblico, perché è di persone che si nutre chi scrive, chi canta, chi fa film e la lista potrebbe essere infinita. Non sempre chi fa questo passaggio ottiene il riscontro favorevole della critica e del pubblico. Ligabue, ad esempio, ai tempi di Radiofreccia aveva sbancato al botteghino, vinto dei premi, ma quando è tornato dietro la telecamera con altri due film (Da zero a dieci e Made in Italy), il pubblico e anche la critica l’ha snobbato, decretando forse la fine della sua carriera cinematografica. Paolo Sorrentino per ben tre volte ha tentato la carta della narrativa scrivendo due romanzi(Hanno tutti ragione per Feltrinelli e Gli aspetti irrilevanti per Mondadori) e un racconto Tony Pagoda e i suoi amici per Feltrinelliriscon…

Libri

Libri letti - Alta Fedeltà di Nick Hornby e Gli Annientatori di Gianluca Morozzi
Libri in fase di lettura - L'era del Porco di Gianluca Morozzi

L'amante imperfetto di Emidio Clementi

Da una statistica recente, in Europa l’Italia è il paese dove abitano più traditori, si parla di una cifra che si aggira attorno al 45% . Si tradisce perché ci sono problemi col partner, perché il rapporto si è appiattito, per avere attenzioni e rapporti più stimolanti, per provare emozioni forti, per aumentare la propria autostima, perché non ci si vuole legare ad un solo partner e la lista potrebbe allungarsi all’infinito. Mentre per quanto riguarda il mondo della pornografia, sempre da una statistica recente, l’Italia si posiziona al penultimo posto come fruitore di servizio on line dedicati al mondo della pornografia. Non tutti conoscono Emidio Clementi, ma se avete vissuto la vostra giovinezza negli anni Novanta ed eravate interessati alla musica alternativa o indie, per usare un termine un po’ più di nicchia, forse il nome Massimo Volume vi dirà qualcosa in più. Se ancora brancolate nel buio, nessun problema, vi basta sapere che i Massimo Volume insieme a gruppi quali Afterhours, La…

Norme per pubblicare sul web

Tempo fa ho avuto l'occasione di interfacciarmi con il blog letterario SUL ROMANZO.
Ho avuto l'occasione di ricevere un prezioso fascicolo sulle norme da adottare se si vuole scrivere sul web. Pazzesco non l'avrei creduto che esistessero delle norme, pensavo che essere una buona penna, avere tanta fantasia e tanta creatività bastasse e invece.
Vi pubblico di seguito le norme, potessero servire ad aspiranti scrittori.

Scrivere sul web non è scrivere sul cartaceo. Ovvietà? No. Perché ancora molti, troppi pensano che
il contenuto sia tutto, la qualità coinciderebbe con ciò che si esprime. Nulla di più sbagliato, perché
internet cambia a distanza di pochi mesi e farsi leggere online è diventato qualcosa di più che
scrivere un articolo di qualità. O meglio, la qualità si pesa anche con la capacità di utilizzare
alcune norme SEO (Search Engine Optimization) ormai imprescindibili.
Perché, al netto della tua passione per la scrittura, anche tu vuoi che molta gente ti legga, vero?
Allora …

Prime pubblicazioni

Immagine
Rovistando tra i libri a casa e in ufficio, è sempre un piacere ritrovare le mie prime pubblicazioni.